Il Sognatore

Ho aspettato molto prima di scrivere questa recensione, perché questo libro mi è piaciuto parecchio e credo che il massimo delle stelle non sia comunque abbastanza. In questi giorni, durante la lettura del suo seguito La Musa degli Incubi, mi sono finalmente decisa a rendergli giustizia con una recensione che vuole in realtà essere un omaggio a un vero e proprio capolavoro del genere!



Titolo: Il Sognatore (Strange the Dreamer)
Autore: Laini Taylor
Editore: Fazi Editore
Prima pubblicazione: Luglio 2018
Genere: Fantasy, young adult
Pagine: 524
Valutazione: ★★★★★
Prezzo: Copertina flessibile 14,50€ / eBook 6,99€
Acquistalo su Amazon al 15% di sconto!
Chiedilo in prestito alla biblioteca più vicina!

Sinossi: È il sogno a scegliere il sognatore, e non il contrario: Lazlo Strange ne è sicuro, ma è anche assolutamente certo che il suo sogno sia destinato a non avverarsi mai. Orfano, allevato da monaci austeri che hanno cercato in tutti i modi di estirpare dalla sua mente il germe della fantasia, il piccolo Lazlo sembra destinato a un'esistenza anonima. Eppure il bambino rimane affascinato dai racconti confusi di un monaco anziano, racconti che parlano della città perduta di Pianto, caduta nell'oblio da duecento anni: ma quale evento inimmaginabile e terribile ha cancellato questo luogo mitico dalla memoria del mondo? I segreti della città leggendaria si trasformano per Lazlo in un'ossessione. Una volta diventato bibliotecario, il ragazzo alimenterà la sua sete di conoscenza con le storie contenute nei libri dimenticati della Grande Biblioteca, pur sapendo che il suo sogno più grande, ossia vedere la misteriosa Pianto con i propri occhi, rimarrà irrealizzato. Ma quando un eroe straniero, chiamato il Massacratore degli Dèi, e la sua delegazione di guerrieri si presentano alla biblioteca, per Strange il Sognatore si delinea l'opportunità di vivere un'avventura dalle premesse straordinarie.


Ammetto che questo è stato il primissimo libro che ho letto di Laini Taylor ed è stata una scoperta più che piacevole! Dopo l'enorme successo già riscosso all'estero, il libro è stato a lungo atteso anche sul mercato italiano e subito dopo l'uscita ho iniziato a vederlo praticamente ovunque. Decisa a fidarmi delle recensioni positive e ottimistiche degli altri book blogger che seguo, ho acquistato e letto questo libro verso la fine del 2018 e mai decisione è stata più saggia perché in questo modo l'attesa del seguito è stata notevolmente ridotta!

Quello che mi ha subito colpito è stato lo stile della Taylor, così vivo, colorato e mai banale, assolutamente innovativo rispetto al piattume che siamo ormai abituati a vedere in giro, almeno in questo genere. Le descrizioni sono ricchissime di dettagli, sia per quanto riguarda le ambientazioni orientaleggianti e magiche, sia per quanto riguarda la caratterizzazione dei personaggi, così diversi tra loro eppure tutti così veri, con la propria personalità, i propri sogni e le proprie paure. La storia di fondo poi è estremamente originale, ricca di sottotrame e vicende parallele, ma nulla viene lasciato al caso e alla fine tutti i fili andranno a ricongiungersi, in un finale da far girare la testa!

Brevemente, e senza anticipare niente a chi non ha ancora letto il libro, vorrei spendere due parole sulla trama. Lazlo è un timido e impacciato bibliotecario della città di Zosma. Il suo cognome è Strange perché è un orfano ed è stato cresciuto dai monaci che lo hanno soprannominato "il sognatore" a causa della sua passione per le storie e le fiabe, nonché per la sua testa perennemente tra le nuvole! Sua nemesi è l'alchimista Theon Nero, il figlioccio d'oro, il prediletto dalla regina. Ma tra i sogni di Lazlo la fama e gli onori non sono contemplati, il suo sogno è uno solo: visitare la leggendaria e misteriosa città di Pianto, il cui vero nome è stato cancellato per magia circa duecento anni prima e dove ancora rieccheggia la fama dei guerrieri Tizerkane. Incredibilmente, quando il cosiddetto Massacratore degli Dèi giungerà a Zosma proprio da Pianto, a Lazlo verrà presentata l'occasione della vita. Chi sono i Mesarthim? E i serafini? C'è un modo per lavorare il misterioso metallo blu chiamato "mesarzio"? Ma soprattutto, chi è davvero Lazlo Strange?

Ecco alcune tra le fan art più famose reperibili in rete:




Attraverso una storia fantastica e giovanissimi protagonisti, Laini Taylor ci parla di coraggio, amore e sacrificio, ma anche di odio, di paura e di sempre inutili guerre. E lo fa con un linguaggio chiaro, semplice, ma estremamente appassionato e appassionante. I suoi personaggi sono così vivi che quasi schizzano fuori dalle pagine! È un libro che mi ha emozionato tantissimo, mi ha fatto sorridere, mi ha fatto piangere e poi ancora ridere di gusto, mi ha fatto odiare alcuni personaggi e poi mi ci ha fatto riflettere su. Ho davvero amato questo libro alla follia così come non succedeva da tempo (dai tempi di Harry Potter, azzarderei) e ne consiglio la lettura a tutti gli appassionati del genere fantasy, soprattutto ragazzi e ragazze.

In attesa della recensione de La Musa degli Incubi prevista per lunedì prossimo, vi lascio con alcune citazioni tratte da Il sognatore:
«Leggeva mentre camminava. Leggeva mentre mangiava. Gli altri bibliotecari sospettavano che leggesse anche nel sonno, oppure che non dormisse affatto. Nelle occasioni in cui alzava davvero gli occhi dalla pagine, sembrava che si svegliasse da un sogno.»
«Non era né un alchimista, né un eroe. Era soltanto un bibliotecario, e un sognatore. Era un lettore e il misconosciuto esperto di una città perduta che non interessava più a nessuno.»
«Tu sei un narratore. Sogna qualcosa di selvaggio e improbabile», lo implorò. «Qualcosa di bello e pieno di mostri». «Bello e pieno di mostri?». «Tutte le storie migliori li hanno»
«È il sogno a scegliere il sognatore, e non il contrario.»
«C'era un uomo che amava la luna ma, ogni volta che tentava di abbracciarla, lei si frantumava in mille pezzi e lo lasciava fradicio, e con le braccia vuote. Sathaz aveva alla fine imparato che se entrava nello stagno e rimaneva immobile, la luna sarebbe andata da lui e lo avrebbe lasciato avvicinare. Soltanto avvicinare, senza mai toccarla. Lui non poteva toccarla senza mandarla in frantumi e così – come Lazlo aveva detto a Sarai – aveva fatto pace con l’impossibile. Prendeva quello che poteva avere.»
«La biblioteca conosce la sua stessa mente... Quando rapisce un bambino, glielo lasciamo tenere.»
«Ho trasformato i miei incubi in lucciole e li ho chiusi in un barattolo.»
«Non era la frustrazione che si prova al risveglio da un sogno dolce. Era la desolazione di aver trovato il luogo giusto, l’unico e il vero, e di aver sperimentato il primo inebriante sospiro di adeguatezza prima di venire strappati via e rigettati in una casuale, solitaria dispersione.»
«Si rese conto che per tutto quel tempo aveva visto il Massacratore degli Dèi come un eroe, non come un uomo, ma che gli eroi, qualsiasi altra cosa siano, sono anche uomini – e donne – e preda dei problemi umani come chiunque altro.»


Laini Taylor è nata nel 1971 a Chico, in California. Con la trilogia La chimera di Praga ha conquistato migliaia di lettori e convinto la critica più esigente, affermandosi come la più raffinata scrittrice fantasy adult americana. La Musa degli Incubi è il seguito de Il Sognatore (Fazi Editore, 2018), primo capitolo della dilogia. Laini Taylor vive a Portland, in Oregon, con il marito, l’illustratore Jim Di Bartolo, e la figlia Clementine.

Potrebbe piacerti

6 Commenti

  1. Devo decidermi al più presto a leggere questo libro! 😍Bellissima recensione, ora però ho le aspettative alle stelle! Speriamo non le deluda!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio! Io ne sono rimasta piacevolmente colpita e ti confesso che il fatto che si trattasse di una semplice dilogia ha influito molto sulla mia scelta di leggere questa saga (essendo reduce dai libri del Trono di spade)!

      Elimina
  2. Bella recensione, la trama in effetti sembra carina e io fatto che tu dica che ci siano sottotrame mi incuriosisce. Il personaggio poi mi sta davvero simpatico :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero? Un bibliotecario timido, impacciato e amante dei libri... Insomma, Lazlo è uno di noi! ❤️

      Elimina
  3. Ricordo di averlo letto e adorato, ma non ricordo piú nulla della trama!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In rete dovresti riuscire a trovare qualche riassunto con spoiler della trama, soprattutto in inglese e magari anche in qualche video su YouTube! Se ne becco qualcuno te lo mando :)

      Elimina