venerdì 6 luglio 2018

Recensione: I rami del tempo di Luca Rossi

Titolo: I rami del tempo (Vol. I)
Autore: Luca Rossi
Prima pubblicazione: 21 marzo 2014
Editore: Autopubblicazione
Genere: Fantasy / Fantascienza / Erotico
Pagine: 152
Valutazione: 



Di recente, ho avuto l'opportunità di leggere I rami del tempo, primo libro dell'omonima trilogia di un'autore fantasy nostrano, Luca Rossi.  Luca mi ha contattata sui profili social, che gestisce personalmente, e si è subito dimostrato un autore molto attento e interessato alle opinioni dei propri lettori, nonché una persona estremamente gentile! La sua è stata una scelta molto coraggiosa, sulla scena italiana e ancora di più nel settore della narrativa fantasy/fantascientifica: l'autopubblicazione. Ma Luca dimostra di esserne altamente capace, curando personalmente l'impaginazione dei testi e tutti gli altri aspetti dei suoi libri.

Quasi come in un film, nel 2012 molla il classico lavoro d'ufficio per dedicarsi a tempo pieno alla sua attività di scrittore e l'anno successivo pubblica Energie della Galassia, una raccolta di racconti fantascentifici con componente erotica. Tradotta anche in lingua inglese, la raccolta ha molto successo riuscendo a farlo rientrare nella classifica dei 10 migliori autori italiani autopubblicati. Nel 2014 pubblica il suo primo romanzo, I rami del tempo, e alla fine dell'anno pubblica il secondo volume della trilogia, L'erede della luce. Sempre nel 2014, I rami del tempo rientra nella classifica di Wired dei 50 libri da leggere in estate. Il terzo libro della saga, Il segreto della sorgente, vede infine la luce nel 2017. 

In alcune intervise Luca ha dichiarato di essersi appassionato alla scrittura nel momento stesso in cui ha iniziato a leggere, quando a 6 anni ha letto per la prima volta Le avventure di Tom Sawyer di Mark Twain.  Tra i suoi autori preferiti e d'ispirazione cita, per motivi diversi, Dante, Asimov e Foscolo. Riguardo alla componente erotica, così presente nei suoi racconti e nei suoi romanzi, Luca ne ha una visione che reputo molto indiana poiché infatti spiega che l'eros, in quanto parte delle energie vitali, è massima espressione della vita stessa, e come tale diventa funzionale nella narrazione delle vite di molti dei suoi personaggi, come un collante tra le varie vicende.

La storia narrata ne I rami del tempo è molto particolare e per nulla scontata. Siamo sull'isola di Turios, è un giorno di festa e si sta celebrando un matrimonio! Nulla avrebbe fatto presagire ciò che si sarebbe verificato di lì a pochi istanti... in un lampo la strage ha inizio: una misteriosa pioggia di schegge metalliche uccide tutti gli abitanti dell'isola!

Ma una coppia di invitati si salva, Bashinoir e sua moglie Lil. I due sono riusciti a trovare riparo nel tempio sacro, dove fanno una piacevole scoperta: anche la sacerdotessa Miril si è salvata, impegnata in importanti rituali. Che cosa faranno ora che sono rimasti da soli sull'isola, ora che tutti i loro amici e conoscenti sono morti? Ma soprattutto, dove sono finiti i cadaveri?

Nel frattempo, alla corte del regno di Isk, il re Beanor esulta. Con l'aiuto del mago Anodil è riuscito lì dove i suoi predecessori hanno sempre fallito: abbattere la barriera magica che impediva agli abitanti del nord di navigare ed espandere il proprio dominio verso le isole del sud. Ma sarà davvero così?

Fin dall'inizio veniamo subito trasportati nel pieno delle vicende, dove pian piano ci verrà rivelato qualche dettaglio in più sul mondo fantastico e fantascientifico nel quale ci siamo immersi. Non è però specificato in che periodo storico ci troviamo, ma le atmosfere ricordano a tratti quelle de Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco di George R. R. Martin. I personaggi sono ben caratterizzati, nelle loro storie, pensieri, decisioni ed evolveranno nel corso della storia. Vedremo Bashinoir perdere tutte le proprie certezze, perfino la vita coniugale con sua moglie, e trovarsi faccia a faccia con l'ombra della solitudine. Vedremo Lil compiere una scelta difficile ma obbligata, intraprendendo il noviziato da sacerdotessa per aiutare la saggia e misteriosa Miril nell'officiare gli arcani rituali che mantengono attiva la barriera magica a protezione dell'isola. Vedremo poi Beanor perdere la ragione nell'ossessione per la barriera e la sua distruzione, con il sesso come unica e costante consolazione ai fallimenti e vedremo, infine, i macabri esiti verso i quali lo condurrà la sua cecità.

I punti di vista, quindi, sono molteplici e spesso opposti. Lo stile è veloce e incalzante, molto scorrevole appena si prende un minimo di confidenza con personaggi e ambientazione. Il linguaggio utilizzato è semplice, a tratti anche più forbito, ma senza mai cadere in intoppi o rigidità. I capitoli sono brevi e i numerosi colpi di scena, gli intrighi di corte e i viaggi nel tempo renderanno molto difficile al lettore staccare gli occhi dalle pagine!

Molto interessante la reinterpretazione del famoso effetto farfalla: non esiste una sola linea temporale, ma molteplici, come un rigoglioso cespuglio o un albero con numerosi rami (i rami del tempo, per l'appunto). Quando compiamo delle scelte o vengono modificati degli eventi, la linea temporale cambia, facendo avvizzire le altre che, da quel momento in poi, non saranno più possibili, e che quindi cadranno come dei rami secchi.

Non ho però apprezzato il finale, a mio avviso troppo precipitoso e che rimane aperto, con il secondo volume, L'erede della luce, come sua naturale e immediata prosecuzione in una sorta di parte I e parte II di un medesimo libro. Da lettrice, avrei quantomeno apprezzato un avvertimento. Altra questione sulla quale credo che vadano avvertiti i lettori è la presenza di scene erotiche, spesso molto esplicite. Non è sicuramente un libro adatto a bambini e ragazzi e, per quanto non sia una tematica che mi disturba, ho comunque trovato troppo forti alcune scene, ma è un mio personalissimo parere. Infine, spesso ho avuto l'impressione che la penna dell'autore si "contenesse" e avrei invece apprezzato maggiore azzardo e più artifici creativi nella descrizione di alcuni dettagli, come gli incantesimi, i simboli magici e la lingua sacra, che solo in una paio di battute del finale abbiamo finalmente il piacere di leggere! 

Questo libro mi è piaciuto e il suo promettente autore è stato per me una piacevole scoperta! Continuerò sicuramente a seguirlo e sono molto curiosa di scoprire come evolveranno in futuro il suo stile e le sue storie. 

Spero di poter leggere presto gli altri due volumi della saga! Se siete interessati anche voi alla lettura dei libri di Luca, potete trovare il catalogo completo su Amazon, dove attualmente I rami del tempo è in offerta a 0,99€ nel formato eBook, oppure in copertina flessibile.

Nessun commento:

Posta un commento