giovedì 22 marzo 2018

Recensione: Ragione e Sentimento di Stefania Bertola


Titolo: Ragione & Sentimento
Autore: Stefania Bertola
Prima pubblicazione: 2017
Editore: Einaudi
Genere: Romanzo
Pagine: 224
Valutazione: ★★★★✰


Sinossi: La morte improvvisa di Gianandrea Cerrato, valente avvocato penalista, oltre a privare una moglie del marito e tre figlie del padre, ha delle conseguenze del tutto inaspettate. Da un giorno all'altro le quattro donne si trovano a dover riorganizzare la loro vita. Ed è Eleonora, la figlia maggiore, a cercare il modo di mandare avanti quella famiglia di femmine «variamente deragliate». Mentre la piccola Margherita vive in una dimensione parallela, Eleonora e Marianna sono divise da una visione opposta dell'esistenza e dell'amore: Marianna legge Shakespeare e crede nell'amore assoluto, Eleonora invece, impegnata com'è a sbarcare il lunario e ad arginare la follia collettiva, non è affatto sicura di sapere cosa sia, veramente, l'amore. Intorno a loro si muove il mondo, con le sorprese, l'allegria, l'inganno. La ragione e il sentimento. Perché quella è una delle grandi battaglie che ci tocca combattere nella vita. Non proprio a tutti, perché esistono esseri fortunati senza ragione, o senza sentimento. Ma la maggior parte di noi ne ha un po' dell'una e un po' dell'altro, e non sempre riesce a farli coesistere pacificamente. Quindi si lotta: si lotta da sempre e si lotterà per sempre, e per questo motivo tra tutti i romanzi di Jane Austen Ragione e sentimento è quello piú adatto a essere periodicamente riscritto, scagliandolo dentro il tempo e i secoli che passano. Stefania Bertola l'ha fatto in modo irresistibile, con l'umorismo e la maestria che le conosciamo da sempre.

Stefania Bertola è nata a Torino ed è una scrittrice, traduttrice, sceneggiatrice e autrice radiofonica. A partire dagli anni ’90 ha iniziato a pubblicare i suoi libri per le principali case editrici italiane, come Mondadori, Feltrinelli, Salani, Longanesi, di cui l’ultimo è proprio Ragione & Sentimento, edito da Einaudi nel 2017. I suoi romanzi, spesso ambientati a Torino, trattano tematiche importanti, emozioni, sentimenti e sfaccettature dell'animo umano, ma affrontati in chiave moderna e con un umorismo genuino.


E questo è proprio quello che succede in questo libro, una riscrittura in chiave moderna dell’omonimo romanzo di Jane Austen. Un’impresa non da poco! Devo ammettere infatti di essere stata incerta all’inizio, ma questo libro mi è stato regalato di recente dai miei genitori e devo dire che ci hanno proprio preso! Fin dalle prime pagine, infatti, si viene presi come da un’onda nel vortice delle vicende della famiglia Cerrato e in particolare di due delle tre figlie, Marianna ed Eleonora, le quali si ritroveranno, come da titolo, ad affrontare l’epico scontro tra passione e razionalità.

Non svelerò nulla della trama, anche perché la sinossi che ho riportato è molto esaustiva. Personalmente, ho trovato la scrittura di Stefania Bertola molto ricca, piena di riferimenti, rimandi, citazioni, ma anche estremamente scorrevole e incalzante. Nell’esposizione dei fatti, delle vicende e soprattutto dei pensieri e delle emozioni dei personaggi mi ha ricordato molto la voce narrante del film Il favoloso mondo di Amélie!

È un romanzo coinvolgente, che tratta di vecchie tematiche purtroppo spesso ancora attuali e di nuovi problemi, di emozioni contrastanti e lotte interiori, argomenti importanti trattati però con un umorismo semplice e autentico che spesso fa sorridere, ma porta anche a riflettere. Personalmente non avevo mai letto nulla di questa scrittrice, ma questo libro mi è piaciuto tanto e credo proprio che andrò a ripescare anche gli altri. Lo consiglio veramente a tutti, sia agli amanti del genere che lo adoreranno, sia ai più scettici che sicuramente ne saranno piacevolmente sorpresi! 

Per chi fosse interessato a leggere questo libro, può trovarlo disponibile su Amazon, nel doppio formato copertina flessibile o e-book.

Nessun commento:

Posta un commento