Quello che ho appena finito di leggere è un libro molto particolare, che mi è stato gentilmente inviato dalla Infinito Edizioni: sto parlando di Tre serbi, due musulmani, un lupo di Luca Leone e Daniele Zanon.




Voto:

Titolo: Tre serbi, due musulmani, un lupo
Autore: Luca Leone, Daniele Zanon
Editore: Infinito Edizioni
Prima pubblicazione: Marzo 2019
Genere: Narrativa
Pagine: 296
Prezzo: Copertina flessibile 15€ / eBook 6,99€
Acquistalo su Amazon!
Ancora non disponibile in biblioteca.

Sinossi: A Prijedor, in Bosnia Erzegovina, in quella che oggi si chiama Repubblica serba di Bosnia (Rs), nella primavera-estate del 1992 succedono cose spaventose. Sembra d'essere tornati ai tempi del nazismo. Gli ultranazionalisti serbo-bosniaci vogliono sradicare i "non serbi" attraverso due strumenti: deportazione e omicidio. Vengono creati per quest'ultimo scopo tre campi di concentramento. Che ben presto diventano luoghi di uccisione di massa. Nomi tremendi: Omarska. Keraterm. Trnopolje. In quest'ultimo luogo - composto da una scuola, una casa del popolo e un prato - vengono recluse tra le quattromila e le settemila persone. È a Trnopolje, nel maggio del 1992, che è ambientata la storia raccontata da questo libro. Una storia di fantasia, ma poggiata su solide basi storiche e di testimonianza. Un libro che non è solo un romanzo ma anche un reportage di quanto accaduto troppi pochi anni fa e troppo vicino a noi, per non sapere. Prefazione di Riccardo Noury.



Quella che viene raccontata in questo libro è sì una storia di fantasia, ma poggiata su fatti storici realmente accaduti. Tra la primavera e l'estate del 1992, in Bosnia Erzegovina accade qualcosa di spaventoso: gli ultranazionalisti serbo-bosniaci vogliono sradicare i non serbi e a questo proposito creano tre campi di concentramento, a Omarska, Karaterm e Trnopolje. Sembra di essere tornati indietro nel tempo di cinquant'anni, ai tempi del nazismo e di quei leader politici apparentemente così carismatici, ma le cui ideologie hanno portato a vere e proprie manipolazioni mentali e stragi.

Questo libro è molte cose: un reportage di guerra, una storia genuina di solidarietà e di amicizia, uno scorcio su attimi di vita, usi e costumi non troppo lontani dai nostri. Ma è soprattutto (si spera) una presa di coscienza su eventi storici che non dovrebbero mai ripetersi, ma con cui quasi ciclicamente l'umanità  torna a fare i conti.

Ho trovato estremamente scorrevole lo stile degli autori e ho molto apprezzato il taglio che hanno scelto di dare alla storia per parlare di determinate tematiche e fatti storici. I personaggi sono molto ben caratterizzati ed emblematici perché rappresentativi di una società al completo. Mi è piaciuto molto l'espediente narrativo utilizzato per la loro caratterizzazione, cioè il descriverli partendo da alcune foto/immagini che ognuno di loro ha in casa.

Ne consiglio la lettura a tutti e ne auspicherei la diffusione soprattutto nelle scuole, tra un pubblico giovane. Infine, ricordo che questo libro è stato pubblicato con il patrocinio di Amnesty International e di Iscos Emilia-Romagna.



Luca Leone è nato il 20 agosto 1970 ad Albano Laziale (Roma). Giornalista professionista ed editore, è laureato in Scienze politiche. Ha scritto o scrive per numerose riviste, tra cui: Liberazione, Avvenimenti, Internazionale, Modus Vivendi, Il Venerdì di Repubblica, Popoli e Missione, Medici Senza Frontiere, Galatea, Vita, Misna. Ha firmato una ventina di libri, tra cui: Srebrenica. I giorni della vergogna (2005), Bosnia Express (2010), I bastardi di Sarajevo (2014), Srebrenica. La giustizia negata (2015), Eden. Il paradiso può uccidere (2016), Visegrad. L'odio, la morte, l'oblio (2017).

Daniele Zanon (1972), sceneggiatore e regista, vive a Cittadella (Padova). Collabora con molti studi di produzione video, tiene corsi di scrittura creativa nella realtà delle scuole medie e superiori e ha lavorato in ambienti educativamente critici come il carcere minorile e le comunità di recupero. Laureato in Scienze Religiose, insegna in un liceo della provincia di Padova. Con Infinito edizioni ha pubblicato Mass Games (2014), Nina nella grande guerra (2015), Il Battaglione bosniaco (2016), L’oro del Congo (2017), Fuga dalla Corea del Nord (2018), L’ultimo barile (2018), Tre serbi, due musulmani, un lupo (con Luca Leone), 2019.
Per contattarlo: danielezanon@gmail.com