venerdì 30 marzo 2018

Recensione: I libri che hanno cambiato la Storia

Titolo: I libri che hanno cambiato la Storia (Books that changed History)
Autori: Michael Collins, Alexandra Black, Thomas Cussans, John Farndon, Philip Parker
Traduttori: Elisabetta Lupi, Giuliana Lupi
Prima pubblicazione: 2017
Editore: Gribaudo (Feltrinelli)
Genere: Saggistica
Pagine: 256
Valutazione:


Descrizione: Dai rotoli del Mar Morto fino a «Il diario di Anna Frank», un sorprendente viaggio nella storia tra i più preziosi e antichi manoscritti, i primi volumi stampati e alcuni dei più grandi esempi di letteratura illustrata. Una guida che presenta oltre 80 tra i libri più famosi, rari e importanti del mondo, raccontando perché sono stati scritti e perché sono ancora considerati innovativi.

In questo periodo, tra un romanzo e l’altro, sto approfondendo anche la lettura di questo bel librone illustrato e a carattere divulgativo sui libri fondamentali che hanno influenzato la Storia! Ammetto di averlo ammirato per tanto tempo in vetrina con sguardo languido (tipico di noi lettori incalliti che non ci accontentiamo mai della pila già consistente di libri da leggere che ci attendono sul comodino), pensando tra me e me “Non preoccuparti mio tesssoro, tornerò a prenderti uno di questi giorni!”, ma per fortuna un’anima pia ha pensato bene di terminare questa struggente attesa regalandomelo in un’occasione importante.

C’è da precisare che spesso questo tipo di pubblicazioni consistono semplicemente in una mera raccolta di immagini e poche informazioni non esaustive. Tuttavia in questo caso, trattandosi comunque di un libro molto illustrato, le informazioni fornite non sono poi così sintetiche, anzi le ho trovate molto precise, strutturate e con numerosi rimandi. Ovviamente, per ogni libro o pergamena presentata, sarà poi possibile condurre in proprio ulteriori ricerche, ricordando che si tratta pur sempre di un testo divulgativo e non specialistico.

Il librone, di un’altezza di circa 31 cm e una mole consistente che consiglio quindi di maneggiare con cura onde evitare spiacevoli contusioni (non leggetelo mai la sera a letto, altrimenti la frattura del naso sarà assicurata!), si articola in una prima parte introduttiva e 5 capitoli suddivisi per periodo storico, così strutturati:

Parte introduttiva:
-          Rotoli e codici
-          Il libro stampato
-          Libri per tutti
-          Il libro moderno

Capitolo 1 (dal 3000 a.C. al 999 d.C.):
-          I libri dei morti degli antichi Egizi
-          I Ching
-          L’arte della guerra di Sun Tzu
-          Mahabharata
-          I rotoli del Mar Morto
-          Dioscoride di Vienna
-          Il Libro di Kells
-          Il Corano Blu
-          Sutra del Diamante
-          Il Codice Exeter
-          Altre opere significative del periodo

Capitolo 2 (dal 1000 al 1449):
-          La Storia di Genji
-          Il Canone della medicina
-          Il Domesday Book
-          L’Evangeliario di Enrico il Leone
-          Les très riches heures du Duc de Berry
-          Altre opere significative del periodo

Capitolo 3 (dal 1450 al 1649):
-          La Bibbia di Gutenberg
-          Elementa geometriae
-          Cronache di Norimberga
-          La Divina Commedia
-          Hypnerotomachia Poliphili
-          Harmonice Musices Odhecaton
-          Codice Leicester
-          Vier Bucher von menschlicher Proportion
-          Il Principe di Niccolò Machiavelli
-          Epitome di Andrea Vesalio
-          Cosmographia di Sebastian Munster
-          Les Prophéties di Nostradamus
-          Codice Aubin
-          The Discoverie of Witchcraft di Reginald Scot
-          Don Quijote de la Mancha di Miguel de Cervantes Saavedra
-          La Bibbia di re Giacomo
-          Hortus Eystettensis di Basilius Besler
-          Tutte l’opere d’architettura, et prospetiva di Sebastiano Serlio
-          Mr. William Shakespeares Comedies, Histories, & Tragedies
-          Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo di Galileo Galilei
-          Bay Psalm Book di Richard Mather
-          Altre opere significative del periodo

Capitolo 4 (dal 1650 al 1899):
-          Micrographia di Robert Hooke
-          Philosophiae Naturalis Principia Mathematica di Isaac Newton
-          Systema Naturae di Carlo Linneo
-          L’Encyclopédie... des Sciences, des Arts et des Métiers a cura di Denis Diderot e Jean D’Alembert
-          A Dictionary of the English Language di Samuel Johnson
-          Bucolica, Georgica et Aeneis di Virgilio
-          Tristram Shandy di Laurence Sterne
-          Le favole di Esopo
-          The Wealth of Nations di Adam Smith
-          Rights of Man di Thomas Paine
-          Songs of Innocence and of Experience di William Blake
-          Birds of America di John James Audubon
-          Procédé pour écrire les Paroles, la Musique et le Plain-chant au moyen de points di Louis Braille
-          Le guide Baedeker
-          Il Circolo Pickwick di Charles Dickens
-          The Holy Land di David Roberts
-          Photographs of British Algae: Cyanotype Impressions di Anna Atkins
-          La capanna dello zio Tom di Harriet Beecher Stowe
-          Leaves of Grass di Walt Whitman
-          On the Origin of Species di Charles Darwin
-          Alice nel Paese delle Meraviglie di Lewis Carroll
-          Il Capitale di Karl Marx
-          The Works of Geoffrey Chaucer Now Newly Imprinted
-          Un coup de dés di Stéphanie Mallarmé
-          Altre opere significative del periodo

Capitolo 5 (dal 1900 in poi):
-          Il meraviglioso mago di Oz di Lyman Frank Baum
-          La storia di Peter Coniglio di Beatrix Potter
-          Le fiabe dei fratelli Grimm
-          Teoria della relatività generale di Albert Einstein
-          Pro dva kvadrata di El Lissitskij
-          I primi 10 Penguin in edizione economica
-          Il diario di Anna Frank
-          Il Piccolo Principe di Antoine de Saint-Exupéry
-          Le Deuxième Sexe di Betty Friedan
-          Silent Spring di Rachel Carson
-          Citazioni dalle opere del presidente Mao Tse-tung
-          Atre opere significative

Devo dire che questo libro mi sta piacendo veramente molto, è esaustivo, ma ovviamente credo che manchi qualche altro titolo che ha segnato la storia, anche se è un parere soggettivo. Sono però presenti titoli che erano a me sconosciuti e che mi ha fatto molto piacere scoprire!

Lo consiglio sicuramente agli "addetti ai lavori", a tutti coloro che studiano o sono già inseriti nel settore libri e biblioteche, ma soprattutto agli appassionati di libri e letteratura in generale, che avranno sempre a disposizione una panoramica generale su questo meraviglioso mondo. Insomma, consiglio questa lettura a tutti coloro che amano leggere e che non si limitano solo a leggere libri, ma leggono anche libri che parlano di altri libri, che cercano su Internet opinioni e informazioni sui libri che hanno letto o stanno leggendo e così via (che è poi lo spirito di questo blog)!

Se vi è venuta voglia di aggiungere questo bel tomo alla vostra collezione, lo potete trovare su Amazon, esclusivamente in copertina rigida.


giovedì 22 marzo 2018

Recensione: Ragione e Sentimento di Stefania Bertola


Titolo: Ragione & Sentimento
Autore: Stefania Bertola
Prima pubblicazione: 2017
Editore: Einaudi
Genere: Romanzo
Pagine: 224
Valutazione: ★★★★✰


Sinossi: La morte improvvisa di Gianandrea Cerrato, valente avvocato penalista, oltre a privare una moglie del marito e tre figlie del padre, ha delle conseguenze del tutto inaspettate. Da un giorno all'altro le quattro donne si trovano a dover riorganizzare la loro vita. Ed è Eleonora, la figlia maggiore, a cercare il modo di mandare avanti quella famiglia di femmine «variamente deragliate». Mentre la piccola Margherita vive in una dimensione parallela, Eleonora e Marianna sono divise da una visione opposta dell'esistenza e dell'amore: Marianna legge Shakespeare e crede nell'amore assoluto, Eleonora invece, impegnata com'è a sbarcare il lunario e ad arginare la follia collettiva, non è affatto sicura di sapere cosa sia, veramente, l'amore. Intorno a loro si muove il mondo, con le sorprese, l'allegria, l'inganno. La ragione e il sentimento. Perché quella è una delle grandi battaglie che ci tocca combattere nella vita. Non proprio a tutti, perché esistono esseri fortunati senza ragione, o senza sentimento. Ma la maggior parte di noi ne ha un po' dell'una e un po' dell'altro, e non sempre riesce a farli coesistere pacificamente. Quindi si lotta: si lotta da sempre e si lotterà per sempre, e per questo motivo tra tutti i romanzi di Jane Austen Ragione e sentimento è quello piú adatto a essere periodicamente riscritto, scagliandolo dentro il tempo e i secoli che passano. Stefania Bertola l'ha fatto in modo irresistibile, con l'umorismo e la maestria che le conosciamo da sempre.

Stefania Bertola è nata a Torino ed è una scrittrice, traduttrice, sceneggiatrice e autrice radiofonica. A partire dagli anni ’90 ha iniziato a pubblicare i suoi libri per le principali case editrici italiane, come Mondadori, Feltrinelli, Salani, Longanesi, di cui l’ultimo è proprio Ragione & Sentimento, edito da Einaudi nel 2017. I suoi romanzi, spesso ambientati a Torino, trattano tematiche importanti, emozioni, sentimenti e sfaccettature dell'animo umano, ma affrontati in chiave moderna e con un umorismo genuino.


E questo è proprio quello che succede in questo libro, una riscrittura in chiave moderna dell’omonimo romanzo di Jane Austen. Un’impresa non da poco! Devo ammettere infatti di essere stata incerta all’inizio, ma questo libro mi è stato regalato di recente dai miei genitori e devo dire che ci hanno proprio preso! Fin dalle prime pagine, infatti, si viene presi come da un’onda nel vortice delle vicende della famiglia Cerrato e in particolare di due delle tre figlie, Marianna ed Eleonora, le quali si ritroveranno, come da titolo, ad affrontare l’epico scontro tra passione e razionalità.

Non svelerò nulla della trama, anche perché la sinossi che ho riportato è molto esaustiva. Personalmente, ho trovato la scrittura di Stefania Bertola molto ricca, piena di riferimenti, rimandi, citazioni, ma anche estremamente scorrevole e incalzante. Nell’esposizione dei fatti, delle vicende e soprattutto dei pensieri e delle emozioni dei personaggi mi ha ricordato molto la voce narrante del film Il favoloso mondo di Amélie!

È un romanzo coinvolgente, che tratta di vecchie tematiche purtroppo spesso ancora attuali e di nuovi problemi, di emozioni contrastanti e lotte interiori, argomenti importanti trattati però con un umorismo semplice e autentico che spesso fa sorridere, ma porta anche a riflettere. Personalmente non avevo mai letto nulla di questa scrittrice, ma questo libro mi è piaciuto tanto e credo proprio che andrò a ripescare anche gli altri. Lo consiglio veramente a tutti, sia agli amanti del genere che lo adoreranno, sia ai più scettici che sicuramente ne saranno piacevolmente sorpresi! 

Per chi fosse interessato a leggere questo libro, può trovarlo disponibile su Amazon, nel doppio formato copertina flessibile o e-book.

Recensione: La ragazza del treno di Paula Hawkins

Titolo: La ragazza del treno (The Girl on the Train)
Autore: Paula Hawkins
Traduttore: Barbara Porteri
Prima pubblicazione: 2015
Editore: Piemme
Genere: Romanzo
Pagine: 306
Valutazione: ★★★


Lo ammetto, non amo particolarmente i thriller e ho letto questo libro l’anno scorso perché ricordavo che era stato un vero e proprio caso editoriale, alla sua uscita, tornato poi nuovamente in voga grazie alla sua trasposizione cinematografica. Così, avendo trovato una bella edizione della Piemme con copertina rigida in uno dei tanti mercatini dell’usato che frequento, ho deciso di leggerlo e di vedere poi anche l’omonimo film.

In effetti, negli Stati Uniti e in Gran Bretagna è diventato un vero e proprio best seller, con più di 3 milioni di copie vendute, riuscendo a rimanere in testa alla classifica dei libri più venduti del New York Times per ben 13 settimane.

Riassumendo brevemente la storia, ma evitando i tanti odiati spoiler, nel libro è narrata la storia di Rachel in un particolare periodo della sua vita, non troppo allegro. Per motivi lavorativi Rachel è una dei tanti pendolari di Londra e si ritrova spesso a guardare sognante fuori dal finestrino durante i suoi viaggi, affezionandosi anche un po’ a quelle facce e a quelle case che vede e che, ormai, le sono diventate familiari. Fin quando un giorno una scena inquietante stravolgerà completamente la sua vita...  

Non lo definirei propriamente un thriller perché mantiene un moderato livello di suspense e non ci sono colpi di scena particolarmente eclatanti nella trama. Inoltre, fin dall’inizio della mia lettura (conclusa, tra l’altro, in poco più di una giornata) avevo grosso modo capito dove sarebbe andata a parare la storia e così è stato.

Credo che questo libro abbia avuto tanto successo principalmente grazie alla grande campagna pubblicitaria che ne è stata fatta. Inoltre, la storia abbastanza semplice e la scrittura scorrevole ne consentono una lettura veloce, insomma un libro adatto a qualsiasi tipo di lettore. La storia è però un po’ insolita e penso che strizzi l’occhio a una particolare categoria di persone, i pendolari, sempre più numerosi. Anche io sono stata una pendolare per tanti anni, causa studio, e mentirei se dicessi che non mi sono rivista almeno un po’ nella Rachel che scruta fuori dal finestrino ogni giorno o che cerca di identificare facce familiari sul treno, tentando di immaginare la loro vita! Tuttavia, fattore emotivo a parte, questo libro mi è piaciuto per la sua scorrevolezza e per la storia insolita e interessante. Tutto qui. Rimango però scettica sul come abbia fatto a diventare un best seller di fama mondiale. Niente di che, insomma, non è di certo un libro che mi ha cambiato la vita o che rileggerei, ma semplicemente lo consiglierei a chi ha poco tempo per leggere o a chi cerca un libro per tenergli compagnia in un classico pomeriggio piovoso. A tal proposito, ho trovato molto appropriato il tweet di Stephen King riguardo questo libro:


“Un capolavoro di suspense. Mi ha tenuto sveglio tutta la notte. Il narratore alcolizzato è perfetto.”
Troppo generoso forse, un lettore incallito che si lascia affascinare dai tipi letterari, ma il concetto è chiaro: un libro che si legge velocemente, anche troppo.

Infine, vorrei fare un piccolo accenno al film del 2016, diretto da Tate Taylor, con Emily Blunt nelle vesti della protagonista. Il film ha incassato circa 172 milioni di dollari in tutto il mondo e sul sito Rotten Tomatoes ha raggiunto il 44% di recensioni positive. Personalmente, questo film non mi è piaciuto affatto prima di tutto a causa della scelta di spostare l’ambientazione da Londra a New York. Sono stata spesso a Londra e trovo che abbia un fascino tutto suo, soprattutto quando ci si sposta in treno, mentre la solita New York mi è saputa di visto e rivisto. L’ambientazione cupa del film diventa poi confusionaria, a tratti ridicola, e la caratterizzazione di Rachel, davvero pessima, impedisce allo spettatore di provare la benché minima empatia verso di lei. Il personaggio non sembra avere un percorso emotivo lineare, che giustifica poi le sue scelte, ma al contrario Rachel finisce col diventare una semplice ubriacona, sciatta e con forti tendenze allo stalking… Questo film, quindi, non lo consiglio a nessuno!

Per chi desiderasse acquistare questo libro, attualmente è disponibile su Amazon nel doppio formato copertina flessibile o eBook.

mercoledì 21 marzo 2018

News: Amazon aumenta i prezzi di Prime in Italia



Tra noi lettori è ormai diventata un’abitudine quella di controllare su Internet i prezzi dei libri che vorremmo acquistare, magari mentre siamo in libreria e cerchiamo l’offerta più conveniente per risparmiare qualcosina (anche perché, diciamocelo, non si tratta mai di un libro solo!). E’ per questo che, oltre a siti web specifici come IBS, moltissimi lettori si affidano al colosso dell’e-commerce Amazon poiché garantisce prezzi competitivi e propone il suo famoso abbonamento Prime, grazie al quale è possibile usufruire principalmente di spedizioni gratuite, rapide e illimitate, più una serie di servizi aggiuntivi.

Proposto inizialmente in Italia ad un prezzo di 9,99 € all’anno, da agosto 2015 il prezzo era aumentato a 19,99 € annui. La notizia fresca di giornata è invece un ulteriore rincaro, a partire dal 4 aprile di quest’anno, corrispondente a 36 € euro annui, ma con la possibilità di attivare ora anche un abbonamento Prime mensile al costo di 4,99 € al mese.


Come è facile supporre, questo aumento è probabilmente dovuto ai nuovi servizi offerti da Amazon, come Amazon Prime Video e Twitch (la piattaforma di streaming videoludico) e dalla volontà di Amazon di aumentare la concorrenza al famoso e già apprezzatissimo Netflix. Infatti, chiunque sia iscritto a Prime e abbia dato un’occhiata al catalogo offerto da Amazon Prime Video, non avrà potuto far a meno di notare la differenza abissale con i contenuti offerti invece dal catalogo Netflix.

Riflettendoci, per chi effettua numerosi acquisti online durante l’anno oppure condivide l’account Prime con amici e familiari, il prezzo rimane comunque conveniente se si pensa a quale potrebbe essere l’ammontare dei costi per le singole spedizioni. Stiamo parlando di 3 € al mese, un prezzo già più competitivo rispetto a Netflix che a differenza offre soltanto un servizio di streaming. Si tratta, quindi, anche di un allineamento di prezzi e servizi rispetto ad altri paesi europei: in Germania Prime costa 69 € l’annuo, in Francia 49 € e in Gran Bretagna 79 £.  


 Speriamo, dunque, che a fronte di questo ulteriore rincaro, corrisponda presto anche un aumento dei servizi offerti (come ad esempio Kindle Unlimited o Music Unlimited, che al momento si pagano a parte) e di una maggiore qualità e rapidità delle spedizioni in tutte le zone d'Italia. Un’ulteriore speranza e magari, perché no, anche un suggerimento per Amazon, potrebbe essere quella di creare abbonamenti annuali modulabili, in cui ogni utente possa scegliere quali servizi inserire!







martedì 20 marzo 2018

Nuove uscite: La scatola dei bottoni di Gwendy di Stephen King e Richard Chizmar


Titolo: La scatola dei bottoni di Gwendy (Gwendy's Button Box)
Autori: Stephen King, Richard Chizmar
Traduttore: G. Arduino
Prima pubblicazione: 2018
Editore: Sperling & Kupfer
Genere: Thriller, Horror
Pagine: 240
Prezzo: 17,90 €

E’ uscito oggi nelle librerie italiane l’ultimo romanzo di Stephen King, scritto in collaborazione con Richard Chizmar, intitolato La scatola dei bottoni di Gwendy ed edito da Sperling & Kupfer.

Gwendy Peterson, dodici anni, vive a Castle Rock ed è vittima di bullismo. Un uomo misterioso e una scatola di mogano coperta di bottoni cambieranno forse il corso degli eventi... Ma nel bene o nel male?

Richard Chizmar è un autore ed editore statunitense, proprietario della Cemetery Dance Pubblications e direttore dell’omonima rivista Cemetery Dance. Negli Stati Uniti, infatti, il libro è stato edito nel maggio 2017 proprio dalla casa editrice di Chizmar.

In un’intervista, Stephen King ha dichiarato che La scatola dei bottoni di Gwendy era inizialmente una di quelle storie che non riusciva a terminare. Dopo averlo inviato a Richard Chizmar per un confronto, quest’ultimo ha effettuato delle aggiunte per poi rimandarlo a King. I due hanno continuato così per circa un mese, fino a quando non si sono ritrovati con un romanzo completo tra le mani!
 

Essendo una fan di Stephen King, spero di riuscire presto ad avere questo libro tra le mani, insieme ad un altro suo recente lavoro, Sleeping Beauties, scritto insieme al figlio Owen King ed edito nel 2017 sempre da Sperling & Kupfer.

Se avete voglia di leggere subito questo libro, potete trovarlo su Amazon nel doppio formato copertina rigida o e-book.